“Profughi” minorenni stuprano ragazza: li assisteva nella casa famiglia | Tutti i Crimini degli Immigrati

RSS Blog

  • Ebola, il Ministero, e quel rischio ‘remoto’
    Il comunicato si chiude con l’ennesimo tentativo maldestro di sminuire la pericolosità epidemica dei flussi di clandestini, senza però poter negare la possibilità che Ebola arrivi sui barconi: “con riferimento specifico ai rischi connessi ai flussi migratori irregolari, si segnala che la durata dei percorsi che porta i migranti dai propri Paesi di origine al […]
  • Bambini ‘razzisti’ già a 15 mesi
    “Sempre un dio porta il simile verso il simile”. E’ una delle più grandi intuizioni di Platone, e la scienza ancora una volta lo conferma. Un nuovo studio rivela che anche i più piccoli mostrano preferenze razziali al momento di scegliere i loro compagni di gioco. Negando alle basi la fandonia ideologica che queste preferenze […]
  • In ricordo di un eroe antico: Fabrizio Quattrocchi
    L’Italia è nota per il modo con il quale dimentica i propri eroi. C’è quasi un pudore nel riconoscere l’eroismo, probabilmente derivato dalla continua propaganda anti-nazionale degli ultimi settant’anni, che ha assimilato fino a confonderli patriottismo e fascismo. E così, un eroe vero, uno che se fosse stato americano avrebbe generato decine di films, è […]
  • Lo spot ignorante della Rai: non esistono bianchi, in Brasile
    Dopo lo spot vergogna di Enel che vuole per gli italiani un futuro ‘nero’, ecco quello demenziale della Rai che pubblicizza i prossimi mondiali. L’avrete visto. E ha generato alcune polemiche in molti siti e blog brasiliani, giustamente risentiti. Secondo la Rai o secondo chi ha confezionato lo spot per loro, in Brasile esistono solo […]
  • Enel e lo spot ‘razzista’ contro gli italiani
    L’Enel, da brava multinazionale, fa la propaganda multietnica e ci indica qual è, anzi, quale ‘deve-assolutamente-essere’ il futuro al quale dobbiamo prepararci. Adeguarci. Pena, l’essere ‘fuorimoda’. Lo fa con uno spot degno del miglior Goebbels. Cambia l’estetica dei protagonisti – quelli biondi, questi negri – non il senso del messaggio: l’imposizione att […]
  • I media di Confindustria temono avanzata ‘xenofoba’
    Non vorrete che paghino stipendi normali, siete voi razzisti? La forte avanzata dei neonazisti di Jobbik alle elezioni ungheresi non ci coglie impreparati. Da almeno tre anni in questo spazio, avvertiamo che in tutta Europa le destre xenofobe stanno prendendo il sopravvento. In Ungheria, Jobbik è in crescita grazie a un linguaggio antieuropeo e nazionalista […]
  • Immigrazione in Italia: numeri e conseguenze
      Prima di esaminare le conseguenze del fenomeno migratorio in Italia, è doveroso esporre un po’ di numeri: ogni giorno, secondo fonti Istat (http://www.italiaora.org/), sono circa 1000 gli immigrati che entrano in Italia. Detto questo, i conti sono facili a farsi: ogni anno ne entrano circa 365.000, e se la portata dei flussi migratori rimarrà […]
  • Russia-Occidente, è scontro di civiltà: e noi siamo i ‘nuovi barbari’
    Chi è dalla parte del ‘giusto’ tra noi e la Russia, questa volta, si chiede Patrick J. Buchanan, uno dei più grandi pensatori del conservatorismo americano. E non si riferisce alla sola vicenda ucraina, che è un piccolo aspetto di uno scontro molto più ampio. E molto più profondo. Una scontro di civiltà. Dove l’occidente, […]
  • L’ultima linea di difesa
    La nostra Nazione è allo sfascio. Sembrano le ultime giornate di Sodoma. Abbiamo – avere è una parola un po’ grossa in questo caso – un ministro degli Interni che come un qualsiasi cittadino, e non come colui che avrebbe il dovere di difendere i sacri confini, lancia allarmi su centinaia di migliaia di clandestini […]
  • Lo Studio: ‘Quartieri multietnici intrinsecamente caotici e alienanti’
    I politici e gli amministratori dovrebbero essere interessati a creare contesti che promuovano il senso di comunità. Se fossero buoni politici e buoni amministratori, e se avessero come stella polare il benessere dei propri cittadini. Vi avevamo già parlato degli studi del professore di Harvard, Pinker, nei quali il ricercatore evidenziava – suo malgrado – [ […]
  • E’ la loro natura: pugile Rom sputa sull’Italia, e chiede soldi
    Per il match contro Rubio, valido per il Mondiale dei pesi medi, il pugile romano rinuncia per protesta ai simboli dell’Italia: “E’ il terzo mondiale che faccio, e sempre all’estero. Mai una parola da un ministro dello sport, la federazione non sta dalla parte dei professionisti, e neanche la tv ha acquistato i diritti. Che […]
  • Un uomo dalle mani sporche di sangue in Vaticano
    Chissà se Franceschiello e il suo ospite Obama hanno guardato questo video: Siria: straziante esecuzione di cristiani, inginocchiati e giustiziati a colpi in testa – VIDEO No, avrebbe disturbata la giovialità dell’incontro tra due facce della stessa medaglia: l’ingiustizia non potrebbe esistere senza l’ignavia. E mentre questo Papa fa opera quotidiana di mar […]
  • Dopo i nani, le ballerine: Carfagna vuole fare il premier
    Ormai se ne sentono di tutti i colori, tra sondaggioni burla e autoproclamazioni d’indipendenza per pochi intimi, non poteva mancare lei, miss pari opportunità, l’ex(?) soubrette Carfagna. Il Paese la vuole e la invoca a gran voce. Gli operai nelle fabbriche hanno indetto riunioni spontanee per mostrare la loro adesione, i disoccupati già sentono che […]
  • Veneto: il referendum più pazzo del mondo
    Il referendum virtuale per l’indipen- denza del Veneto ha superato quota 2,3 milioni di voti, pari al 73% del corpo elettorale regionale. Secondo i dati diffusi a Treviso da Plebiscito.eu, movimento venetista che ha promosso la votazione, i sì sono stati quasi 2milioni 103 mila pari al 89%; i no poco più di 257 mila,il […]
  • Le ultime parole famose di Vendola
    Pare che le sue parole dopo l’aggressione siano state: ‘Tu quoque, romeno, frater mi’ ‘La Romania deve entrare in Europa, la questione dei Rom non esiste’. Verranno ricordate come ‘le ultime parole famose’ di Vendola. Il diversamente maschio. Come saprete, il governatore a tempo perso della Puglia è stato aggredito da un suo ‘fratello’ in […]
  • La strage della cultura
    Milano: studente straniero distrugge preziosa statua dell’800 Uno studente straniero ha semi-distrutto una preziosa scultura dell’inizio del 19° secolo, mentre tentava di fotografarsi seduto su di essa. La statua, il ‘Satiro ubriaco’, è conservata presso l’Accademia delle Belle Arti di Brera a Milano, raffigura un seguace di Dioniso, il dio greco del vino, s […]
  • Kosovo e Crimea: come l’immigrazione ti fa diventare minoranza a casa tua
    La Crimea è sempre stata una regione etnicamente diversa, e quindi conflittuale: tartari di Crimea, Karaylar, greci, armeni, bulgari, e Krymchak. All’inizio del 18 ° secolo, i tatari di Crimea formavano una vasta maggioranza della popolazione. E sono stati maggioranza fino alla metà del 19° secolo, quando molti altri gruppi hanno iniziato a ‘migrare’ verso [ […]
  • Globalizzazione: l’imprenditore che finanzia Renzi e assume solo romeni
    Prenderà il nome dello storico Teatro Smeraldo che sorgeva nello stesso stabile di piazza XXV Aprile e l’inaugurazione è fissata (non a caso) il 18 marzo, inizio delle Cinque Giornate di Milano e del Risorgimento. «Non saremo noi a far risorgere l’Italia ma è un piccolo passo», ripete da giorni Farinetti, dispensa in tv e […]
  • ‘Femminicidio’ e strage albanese: la propaganda ha le gambe corte
    Dovrebbe titolare così, domani, quella sorta di insieme di pagine alla rinfusa che ha nome ‘Corriere della Sera’, dopo l’oscena prima pagina di oggi nella quale, per lisciare il pelo ad alcune olgettine di un post-femminismo che sopravvive a se stesso nella caccia alle poltrone e ai soldi, ha titolato ‘strage delle donne’. Nel Paese […]
  • Quote “rosa” di vergogna
    In Italia esistono enormi problemi da risolvere, tuttavia la classe politica appare sempre più confusa e disorientata di fronte a questa triste realtà. Il dibattito politico è spesso legato alla moda del periodo e ruota attorno a questioni che non hanno grande rilevanza, almeno nell’attuale fase storica. Nei momenti di maggiore lucidità, i partiti si […]

“Profughi” minorenni stuprano ragazza: li assisteva nella casa famiglia

ECCO I FIGLI DEGLI IMMIGRATI

POZZUOLI -  Quei tre ragazzini venuti dal Terzo Mondo, strappati alla fame, alle guerre, per lei erano come dei fratellini minori ai quali si dare affetto e protezione. Claudia (nome di fantasia), 32 anni, di Pozzuoli, credeva in quello che faceva, l’amore per il prossimo era più forte della delusione per un lavoro che forse non era quello desiderato dopo tanti anni trascorsi a studiare per diventare psicologa. Ma lei non si scoraggiava, e come tutti i giorni anche quell’ultimo mercoledì di febbraio per poche centinaia di euro al mese era andata ad aiutare quei tre ragazzini che improvvisamente si trasformarono in mostri.  Tentarono di violentarla in una casa famiglia per extracomunitari minorenni nel giuglianese nella quale lavorava come assistente sociale

IL RACCONTO SHOCK -  “Erano come indemoniati, uno di loro aveva un coltello in mano. Mi dissero “tu da questa stanza non esci”. Quella mezz’ora durò 10 ore”. Trenta lunghissimi minuti di terrore, le urla, la disperazione, la richiesta per un aiuto che non arrivava  “In quei momenti pensavo a mamma e papà.  Stavo per buttarmi giù pur di farmi violentare”. Claudia oggi, a distanza di 4 mesi, ricorda quei drammatici momenti con tanta amarezza.

LE MINACCE DEGLI XENOFILIMi sono ripresa ma non completamente. La cosa che più mi ha ferita è stata l’indifferenza della mia titolare e di alcuni colleghi. Mi hanno abbandonata, nemmeno una telefonata, nessuno che mi ha dato appoggio o sostegno. Dopo quella sera sembrava che avessi la lebbra. Addirittura mi hanno intimorita dicendo che sarei stata devastata professionalmente qualora avessi denunciato tutto ai carabinieri. La titolare mi disse “Non pensavo che tu andassi a denunciare”. E’ una cosa assurda, questa è gente alla quale ho dato tanto amore, energia, e che non ha speso una sola parola per me”.

BESTIE   Ma al mio rifiuto impazzirono. Quello che mi ha aggredito ha 17 anni, era il più bravo, il più tranquillo voleva andare con le prostitute, disse che di ritorno da scuola aveva visto una prostituta con il cartello gratis e voleva farsi accompagnare. Quando gli dissi si no uno iniziò ad avvicinarsi a me insieme ad un altro mentre ero seduta al tavolo. Mi disse tu da questa stanza non esci. Intanto quello che stava facendo le pizze venne da me, mi prese da dietro, io opposi resistenza urlai ma lui riuscì a prendermi in braccio e portarmi sopra. Poi spensero le luci. Venni palpeggiata, mi strapparono i vestiti, improvvisamente non so come mi ritrovai fuori al balcone a vomitare mentre la mia collega cercava di farli desistere. Chiusero la porta a chiave della stanza al primo piano, uno aveva dei coltelli in mano. Pensai al peggio, stavo per buttarmi giù, in quel momento pensavo a mia mamma e mio padre”

LA VIOLENZA -  Ha ancora la forza di denunciare nonostante la delusione, l’abbandono da parte di chi avrebbe dovuto difenderla durante e dopo quei tragici momenti  “Meno male che c’era la testimone, altrimenti chissà che fine avrei fatto”. Quel giorno era nella casa famiglia insieme ad una collega, con loro c’erano gli 8 minorenni extracomunitari che da mesi assistevano. “L’altra fu risparmiata – racconta –perché è sposata ed ha figli, io no, io ero buona”.Poi parte con il ricordo di quei 30 minuti, li racconta quasi tutto d’un fiato, quasi a voler buttare fuori per l’ennesima volta quel dramma “Tutto nacque  da una condizione di frustrazione nella quale vivevano. Iniziai già a capire qualcosa quando pretesero che gli pulissi i mandarini. Mi trovai in una condizione subordinata, chiamai a mia mamma dicendo che avevo paura. Poi mi chiesero di accompagnarli dalle prostitute. Dissero accompagnaci da Madame Bagascia, che è il soprannome che usano per chiamare le prostitute.

L’ARRESTO -  Ad un certo punto però la violenza dei tre si ferma, dopo che la collega che è con lei riesce a contattare la coordinatrice. I tre desistono, si fermano “Intanto io continuavo a piangere e vomitare fuori al balcone. Riesco a prendere la borsa e regalo 20 euro a uno di loro dicendo vai da madame bagascia. Lui la prese e andò a masturbarsi tra le scale”.Fortunatamente la violenza sessuale non si consumò, i tre furono arrestati la notte dopo dai Carabinieri della Compagnia di Pozzuoli grazie alle testimonianze delle vittime e di altre due colleghe. Ora quei minorenni venuti dall’Africa sono ancora in galera, ma Claudia nonostante la ferita ancora aperta riesce ad avere parole dolci nei loro confronti.

Il lavaggio del cervello buonista ha, non ostante il dramma vissuto, lasciato le sue scorie cheperiscono impediscono alla ragazza un ragionamento realista.

“Spesso sogno tutti e tre sorridenti a Città della Scienza dove una volta andammo insieme. Poi ad un certo punto dalla felicità sogno che loro mi dicono vogliamo ucciderti. I primi giorni li odiavo, ora no. Spero facciano un percorso integrativo. Il carcere è un inferno e spero che non escano peggio di come sono entrati”.

Tre Africani entrano in Italia e vengono mantenuti perche’ sono ‘bambini’. Questi bambini stuprano e lo fanno sotto gli occhi degli xenofili che, come raccontato dalla ragazza, cercano di impedire la denuncia che potrebbe danneggiare la loro propaganda integrazionista. Abbiamo giá trovato questo comportamento, in Inghilterra, riguardo gli stupri coperti da assistenti sociali e polizia perchè commessi da immigrati.

Questa ragazza e’ la ennesima vittima del lavaggio del cervello che impone l’adorazione del diverso, il servilismo verso l’immigrato.

http://www.cronacaflegrea.it/tentato-stupro-in-casa-famiglia-il-racconto-shock-della-vittima/

One comment on ““Profughi” minorenni stuprano ragazza: li assisteva nella casa famiglia

  1. […] caso, secondo in pochi giorni, di un “profugo” che stupra. E siamo davanti a un caso fotocopia, nel quale un immigrato  stupra e brutalizza una giovane assistente: in quel caso […]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>